Cos’è la vitamina k2?

Fa parte del gruppo della vitamina k,  ma il nome scientifico è menachinone. Nel suo complicato, quanto indispensabile lavoro, ha bisogno di interagire con altre vitamine, come la vitamina A e  la vitamina D, che devono essere quindi assunte con la stessa regolarità.Serve a indirizzare il calcio nei tessuti in cui è necessario e lo elimina dalle pareti arteriose, prevenendo l’insorgenza di malattie cardiovascolari, demenza e ictus.In particolare entra in azione in un singolare fenomeno che gli esperti chiamano paradosso del calcioIl corpo umano reagisce negativamente sia agli eccessi di calcio che possono calcificare le pareti arteriose, sia agli stati di carenza che riducono la funzionalità delle ossa.La vitamina K2 (menachinone, MK) (VitK2) è un nutriente essenziale che fa parte del gruppo delle Vitamine K, conosciute fin dal 1929 per gli effetti sulla coagulazione del sangue   Negli ultimi anni, però, sempre più rilevanza ha assunto il potenziale ruolo della stessa nell’ambito delle patologie cardiovascolari (aterosclerosi) ed ossee (osteoporosi).Dal punto di vista funzionale essa gioca un ruolo fondamentale nell’omeostasi del calcio.Il macronutriente vitamina K2, noto anche come menaquinone, fa parte di un gruppo di vitamine K solubili nel grasso, che hanno una struttura chimica simile.

La vitamina K: Leggi il seguito di questo post »

Annunci
Le vitamine  e i minerali sono  nutrienti chiave necessari affinché il corpo funzioni al meglio. Le carenze di alcune  vitamine  e minerali  possono causare malattie gravi e altri problemi di salute. La RDA (dose  giornaliera consigliata) è una linea guida, calcolata da esperti nutrizionisti per il governo USA, per il mantenimento di un’alimentazione corretta da parte di tutte le persone sane  negli  Stati Uniti. La RDA consiglia  una certa  quantità di ogni nutriente, che in pratica  è il minimo indispensabile per prevenire le malattie.
Questo va bene per  la persona nella media, ma per  chi svolge  attività  fisica e per gli atleti?  Le persone attive necessitano di quantità maggiori di alcuni nu- trienti come aiuto  nell’allenamento e per prevenire le malattie. Quindi,  chiameremo questo nuovo standard per gli atleti “la dose giornaliera consigliata per gli atleti”  (RDIA). Ricordatevi  che  un buon  prodotto  multivitaminico/multiminerale può  apportare quantità efficaci di gran  parte di questi nutrienti.
VITAMINE

Leggi il seguito di questo post »

Secondo il dott. Joe Vinson, “Una tazza di 226 g di caffè con o senza caffeina contiene più antiossidanti che proteggono contro le malattie di una porzione normale di arance o mirtilli freschi”. In un articolo pubblicato sul numero di luglio 2007 di Bottom Line/Health, Vinson spiega che Leggi il seguito di questo post »

Grasso testardo? Combattiamolo

Pubblicato: luglio 9, 2017 in Senza categoria
I bioflavonoidi degli agrumi, che sono abbondanti nello strato bianco e spugnoso della buccia, contengono proprietà naturali che possono bloccare gli estrogeni.
I flavoni della soia hanno moderate proprietà estrogeniche: si legano ai recettori degli estrogeni nei tessuti e li rendono irraggiungibili per l’estrodiolo, il più potente ormone estrogeno. L’estrodiolo è chiamato ormone cattivo a causa dei suoi effetti occasionalmente potenti sul corpo, quali gonfiore, ritenzione idrica, guadagno di grasso corporeo, femminilizzazione negli uomini (ad esempio il “seno maschile”), grasso sottocutaneo e guadagno di grasso testardo sullo stomaco e sul petto.
 Alcuni esperimenti condotti in Italia hanno mostrato che

Leggi il seguito di questo post »

Le trazioni orizzontali alla sbarra sono  chiamate anche Australian Pull up.

Muscoli convolti : gran dorsale, parte posteriore del deltoide e flessori dei bicipiti

Esecuzione: Leggi il seguito di questo post »

Benché, a volte, la L-carnitina sia considerata una vitamina, in realtà è un composto biosintetizzato a partire dagli aminoacidi lisina e metionina. Forse avete letto che la L-carnitina può aumentare il trasporto degli acidi grassi dalle cellule lipidiche ai mitocondri delle cellule attive, e questo la rende un ottimo integratore per la trasformazione del grasso in muscoli. La sostanza, però, offre anche altri benefici potenti per il bodybuilding.

 Alcuni studi, infatti, mostrano che la carnitina può Leggi il seguito di questo post »

Uno dei problemi più comuni fra i bodybuilder con più di 40 anni è come conservare i muscoli con il passare del tempo, un fattore che non è importante solo per ragioni estetiche, ma anche per la salute. Una ricerca recente mostra che, normalmente, la ragione della perdita di mobilità nelle persone anziane è l’indebolimento muscolare e un modo semplice per preservare i muscoli è continuare ad allenarsi.

Naturalmente, è probabile che dovrete apportare alcune modifiche: Leggi il seguito di questo post »