Come apparire al meglio il giorno della gara o del servizio fotografico

Pubblicato: febbraio 16, 2013 in Body Building
Tag:,

ginevra aulettaQuesto articolo parla di cosa potete fare per raggiungere l’aspetto migliore il giorno della gara o del servizio fotografico. Vi siete allenati più duramente che potete e avete seguito la dieta negli ultimi mesi della preparazione. A volte vi è sembrato di non poter sopportare più il dolore nei muscoli, specialmente durante gli allenamenti estenuanti. Però ce l’avete fatta. Avete sopportato l’agonia di allenamenti con i pesi durissimi e avete avuto la disciplina per fare aerobica alcune volte la settimana. Lo stesso vale per la dieta. Negli ultimi mesi avete seguito un programma alimentare molto rigido. Poiché sapete che tutto quello che mettete in bocca influenzerà il vostro aspetto, state alla larga da alimenti come biscotti, dolci o cioccolato. Riducete anche il pane e la pasta perché gli alimenti di questo tipo contengono troppi carboidrati sbagliati. Avete invece seguito una dieta ricca di proteine, povera di carboidrati e con grassi nella media, composta principalmente di petti di pollo, carne rossa magra, pesce e verdure. Occasionalmente avete aggiunto all’insalata un cucchiaio di olio vegetale spremuto a freddo oppure avete mangiato una manciata di frutta secca per assumere i salubri acidi grassi insaturi così essenziali per un funzionamento migliore del corpo. Quando vi siete sentiti molto deboli, avete mangiato una porzione extra di farina d’avena, secca ovviamente, per trarre un po’ d’energia extra. Avete bevuto 4-7 litri d’acqua il giorno per aiutare gli organi interni come i reni a svolgere il loro lavoro e per mantenere i muscoli tonici e aderenti alla pelle. In pratica, prepararsi per una gara o per un servizio fotografico è molto oneroso per il corpo e per la mente. Ma se accettate la sfida di dare tutto quello che avete, salirete in pedana presentandovi nella vostra forma migliore possibile. Se avete azzeccato al 100% la scadenza per il giorno della gara, il vostro fisico mostrerà uno muscolosità densa, dura e definita accompagnata da una grande vascolarizzazione. Avrete un aspetto imponente, anche quando rilassati, e contraendo i muscoli sarete meravigliosi! È comunque fondamentale che riusciate a mostrare quello che avete. Questo significa che anche se un corpo ben sviluppato è essenziale per avere successo in gara o fare un bel servizio fotografico, è molto importante anche presentarsi nel modo migliore possibile. Infatti, molto probabilmente una presentazione eccellente può darvi quel margine extra per vincere l’evento per cui vi siete allenati e siete stati a dieta così duramente.
Guardiamo più da vicino i singoli fattori di una presentazione vincente, per presentare il “pacchetto completo” ai giudici:

1. Acconciatura
Scegliate un acconciatura adatta alla faccia e al corpo. La maggior parte dei bodybuilder agonisti porta i capelli corti. È essenziale che vi sentiate a vostro agio con il tipo di acconciatura che avete. Comunque, a volte anche i professionisti hanno preso delle decisioni strane sull’acconciatura. Vi ricordate di Robby Robinson alla fine degli anni ’70 che posava con un look afro che distoglieva l’attenzione dal suo fisico fenomenale? Forse avete visto alcune fotografie di Lee Priest con i capelli lunghi al Mr. Olympia del 2003. Ha scelto di fare così ma dubito che la sua presentazione ne abbia guadagnato. Qualsiasi acconciatura scegliete, vi consiglio di andare dal parrucchiere 7-10 giorni prima della gara per farvi fare un bel taglio fresco e alla moda. Il giorno X lavate i capelli, asciugateli e magari mettete un po’ di gelatina.

2. Pelle
La consistenza della pelle è molto importante per presentare un corpo senza difetti. Le pelle dovrebbe essere ben tesa e senza brufoli o altre irritazioni. I bodybuilder naturali sono avvantaggiati perché non devono preoccuparsi dell’acne da steroidi che può comparire assumendo gli ormoni sintetici. 2-3 giorni prima della gara dovreste rasare il corpo per eliminare i peli corporei. Ci sono più modi per eliminare i peli corporei, per esempio usare la cera calda o il laser, però io consiglio la vecchia rasatura. È importante usare lamette nuove e affilate per non tagliare la pelle. Applicate uno strato abbondante di schiuma e rasate attentamente tutto il corpo. Dopo la rasatura, applicate sulla pelle una buona lozione idratante per nutrire la pelle.

3. Abbronzatura
L’abbronzatura giusta è fondamentale per avere l’aspetto migliore sotto le luci forti del palco. Infatti, abbronzarsi nel modo giusto non è così facile e dovreste sperimentare con strategie diverse per soddisfare i bisogni di abbronzatura individuali. Secondo dove vivete, cioè da quanto sole avete a disposizione, dovreste cominciare a prendere il sole circa tre mesi prima della gara. Se vivete in un posto dove il sole splende raramente, fate la lampada. State attenti a non esagerare per evitare gli effetti negativi come l’invecchiamento precoce della pelle o addirittura il cancro.
Generalmente, dovrebbe essere sufficiente prendere il sole o fare la lampada 2-3 volte la settimana, ogni volta per un massimo di 30 minuti, tendendo ad allungare l’esposizione al sole ma non quella alla lampada. Facendo così in modo regolare arriverete a una buona abbronzatura uniforme. Però questa abbronzatura non è assolutamente sufficiente per apparire al meglio in pedana o nello studio fotografico. A questo punto entrano in gioco le lozioni abbronzanti. Tutti i bodybuilder agonisti le usano. Sul mercato ci sono molte lozioni abbronzanti diverse, create specialmente per i bisogni del bodybuilder che deve salire in pedana o fare un servizio fotografico. Qualsiasi marca usate, è molto importante determinare eventuali reazioni allergiche durante l’uso. Di conseguenza, applicate un po’ della lozione abbronzante su una piccola zona della pelle e aspettate almeno 24 ore prima di procedere. Se notate delle irritazioni o dei fastidi, interrompete l’uso e provate un’altra marca. Una volta scoperta la lozione abbronzante che dà i risultati migliori, cominciate ad applicarne il primo strato sulla pelle 1-3 giorni prima dell’evento. Immaginiamo che la gara si svolga sabato. Quanto prima dovreste applicare il primo strato di lozione abbronzante dipende principalmente dall’entità dell’abbronzatura naturale ottenuta esponendosi al sole o alla lampada e dal tipo di pelle. Quelli con la pelle naturalmente scura raggiungono un’abbronzatura eccellente anche cominciando a usare le lozioni abbronzanti solo venerdì. Quelli con la pelle più chiara dovrebbero cominciare a usare la lozione abbronzante almeno tre giorni prima del giorno X. Sarete i migliori giudici di voi stessi per quanto riguarda gli strati di colore di cui avete bisogno e quanto spesso applicarli. Comunque ogni bodybuilder che si prepara a una gara dovrebbe applicare alcuni strati di colore sulla pelle per ottenere i risultati massimi grazie a una bella abbronzatura scura e profonda. Come detto, dovreste scoprire da soli di quanti strati avete bisogno. State attenti a non applicarne troppa sui gomiti e sulle ginocchia perché tendono ad assorbirla più velocemente delle altre parti corporee e perciò scuriscono più velocemente. Ovviamente avrete bisogno di aiuto per applicare il colore sulle aree del corpo che non riuscite a raggiungere da soli, come la schiena o la parte posteriore delle cosce. È importante scegliere una persona di cui vi fidate e che è abituata ad applicare la lozione in modo uniforme. Meglio se chiedete a questa persona di esercitarsi nell’applicazione della lozione abbronzante un po’ di tempo prima della gara, così da evitare brutte sorprese dell’ultimo minuto. Non fate la doccia fra il momento della prima applicazione della lozione abbronzante e la fine della gara.
Non facendo la doccia, conserverete gli oli naturali del corpo, cosa che darà all’abbronzatura una salubre lucentezza. Se necessario, applicate un ultimo strato di lozione abbronzante il sabato mattina, 2-3 ore prima dell’inizio della gara. Ora, se avete fatto tutto bene, avete una bella abbronzatura scura e un ottimo aspetto! Per aggiungere un tocco finale all’aspetto della pelle, potete applicare un leggero strato di olio da posa, appena prima di salire in pedana, per dare un tocco finale di lucentezza e mostrare al meglio la vostra definizione assoluta. Fate però attenzione a non esagerare. Usare troppo olio può produrre l’effetto opposto e farvi apparire piatti! Per ottenere l’aspetto migliore usate solo piccole quantità di olio.

4. Pompaggio
La maggior parte dei bodybuilder esegue alcuni esercizi leggeri prima di salire in pedana. Consiglio di eseguire qualche movimento per la parte superiore del corpo con l’attrezzatura presente nel retropalco. Solitamente ci sono dei manubri leggeri e magari uno i due bilancieri a uso degli atleti. Un’altra possibilità sarebbe eseguire alcuni esercizi usando solo il peso corporeo come le flessioni sulle braccia o le flessioni fra due sedie. Oppure chiedete ad alcuni colleghi, o all’allenatore se gli è permesso di venire nel retropalco con voi, di fare qualche movimento con resistenza applicata con un asciugamano, per esempio per pompare i dorsali. Tutti questi esercizi sono fatti con lo scopo di riempire i muscoli di sangue, facendogli sembrare pieni, densi e duri quando salite in pedana. Comunque, dovreste prendere in considerazione due aspetti importanti per quanto riguarda il pompaggio. Primo, non esagerate. Solitamente, fare gli esercizi 10-20 minuti prima delle prevalutazioni è sufficiente. Il pericolo del pomparsi troppo prima della presentazione sarebbe perdere il pompaggio in pedana, presentandosi quindi con un aspetto piatto e stanco invece che pieno e duro. L’altro aspetto che consiglio di curare è non fare esercizi per le gambe appena prima di salire in pedana. I muscoli delle gambe sembrano non reagire al pompaggio bene quanto fanno quelli della parte superiore del corpo. Infatti, spesso pompare i muscoli produce una riduzione della definizione muscolare nei quadricipiti e nei muscoli posteriori della coscia. Fra le serie leggere di pompaggio potete fare anche delle pose, tendendo i muscoli per l’ultima volta prima dell’inizio della gara. Solitamente, nel retropalco c’è uno specchio per controllare l’aspetto in questi momenti importanti. Date un’occhiata ai muscoli gonfi poi andate a fare quello che dovete fare: salite in pedana e confrontatevi con i vostri concorrenti.

5. Pose
Prima di tutto, posare è un’arte. Mentre posate presentate al pubblico e ai giudici i risultati dell’allenamento duro e della dieta rigida. Come vi muovete in pedana e anche nello studio fotografico è molto importante per una presentazione ottimale. Appena salite in pedana, tenete i muscoli contratti. Sorridete e siate fiduciosi. In pedana non rilassatevi mai troppo, fate attenzione alla sezione centrale, contraetela quasi ininterrottamente. Appena vi trovate in fila durante la prevalutazione, contraete i muscoli il più duramente possibile, dalla testa ai piedi. Fare così necessita di un po’ di pratica ma con il passare del tempo e l’accumulo dell’esperienza saprete esattamente come dovete stare, posizionare le braccia e le gambe per creare l’impressione migliore del corpo per cui avete lavorato così duramente. Come detto prima, anche se non siete in prima fila e aspettate nelle retrovie mentre altri concorrenti sono confrontati durante le prevalutazioni, tenete i muscoli sempre contratti. Inoltre, assumete un’espressione rilassata e fiduciosa. Quando i giudici vi chiedono di fare un passo avanti e di fare alcune pose, eseguitele meglio che potete però cercate di non perdere quell’espressione rilassata. È difficile sorridere mentre contraete così duramente che vi sembra che i muscoli stiano per strapparsi, ma con un po’ di esperienza ci riuscirete. Per quanto riguarda la vostra routine di posa, dovreste scegliere le pose che mostrano meglio la consistenza muscolare. Anche la musica che scegliete dovrebbe essere adatta alla vostra personalità. Questo significa scegliere un tipo di musica che vi mette a vostro agio. Per esempio, una volta a una gara alcuni concorrenti avevano scelto per la routine di posa della musica hip hop o raggea, una cosa che non potrei immaginare di fare. Dovete decidere quale musica scegliere per la routine, potete scegliere il rock o una musica più tranquilla. Durante le pose, muovetevi fluidamente da una posa all’altra. Se durante le pose volete dare un’impressione più imponente, stringete il pugno nelle pose tipo il doppio bicipiti o le pose laterali per il petto. D’altra parte, aprire le mani produrrà un’impressione di maggiore eleganza e agilità. Quasi tutti i bodybuilder hanno parti corporee meglio sviluppate di altre. Durante la routine dovreste accentuare le parti corporee forti. Dopotutto, dovete presentarvi nel modo migliore possibile. Perciò non enfatizzate le parti corporee meno sviluppate, ponete l’attenzione sul presentare ai giudici le vostre parti corporee forti.

6. Costume da gara
Poiché il costume da gara è l’unica cosa che indossate in pedana o durante un servizio fotografico, è importante sceglierne uno adatto alla forma del vostro corpo. Per esempio, se avete le gambe corte dovreste scegliere un costume molto scosciato per far sembrare le gambe più lunghe. Invece, se avete le gambe lunghe dovreste scegliere un costume più classico moderatamente scosciato. Inoltre, potete scegliere l’altezza della fascia laterale, solitamente i bodybuilder agonisti indossano costumi alti 1-5 cm. Ciò dipende dalle vostre preferenze personali e dal colore scelto per il costume. Ricordatevi anche di mettere in borsa due costumi. Molto probabilmente durante la prevalutazione macchierete il costume con dell’olio, avete perciò bisogno di un secondo costume da gara da indossare la sera della gara.
Per chiudere, voglio darvi la seguente lista delle cose che dovreste portare con voi nel retropalco. Con queste cose potrete prepararvi al meglio il grande giorno, di gara o del servizio fotografico:

• Asciugamano
• Spazzola
• Gelatina
• Spazzolino
• Dentifricio
• Lozione abbronzante
• Olio da pose
• Due costumi da gara
• Maglietta
• Giubbotto, camicia, pantaloni, biancheria
• Cassetta audio con la musica per le pose
• Spuntini, per esempio banane, dolci o altri carboidrati di rapida digestione (consumatene piccole quantità durante il pompaggio, appena prima di salire in pedana o di iniziare le fotografie)
• Acqua, succo di frutta

Se seguite i consigli dati in questo articolo, sono certo che riuscirete a presentarvi nel modo migliore possibile. Avrete un ottimo aspetto e molto probabilmente vi piazzerete bene, forse vincerete addirittura la gara e otterrete alcune ottime fotografie nella vostra forma migliore. Avete lavorato molto duramente per salire in pedana, adesso godete i frutti della vostra disciplina, ve lo meritate!

O.n.  B.B

commenti
  1. Paolo scrive:

    Interessante articolo , credo che posare sia veramente un’arte, posare bene può aiutare a far notare meno eventuali carenze .

  2. ginevra scrive:

    articolo molto utile x i neofita ed appassionati del BB …
    complimenti all’autore!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...