Perchè praticare attività fisica nella ” seconda / terza ” età …

Pubblicato: ottobre 4, 2015 in Allenamento
Tag:, , , ,

osteoporosi-300x200L’importanza di praticare attività fisica nella ” seconda / terza ” età trova le sue ragioni in essere: con un allenamento ben condotto si può ottenere un risultato su varie funzioni organiche diametralmente opposto a quello che sulle stesse esercita l’invecchiamento. Se una persona anziana si allena con una certa regolarità, potrà, almeno in parte, cancellare l’influenza negativa dell’invecchiamento . Per poter impostare una corretta forma di attività fisica, è necessario conoscere alcuni aspetti fisiologici fondamentali dell’invecchiamento. Con l’invecchiamento la massa muscolare diminuisce. Questa modificazione legata all’atrofia muscolare può esser dissimulata dall’aumento della massa grassa e del tessuto connettivo. Sistema nervoso Il sistema nervoso subisce con il passare degli anni una involuzione determinata dall’atrofia del tessuto nobile, della nevroglia e della mielina che si accompagna in periferia alla atrofia dei fusi neuromuscolari Ossa ed articolazioni Fenomeno comune nell’età avanzata è l’osteoporosi, termine con cui si indica la riduzione di concentrazione di minerali a livello del tessuto osseo. Questo ha per conseguenza l’aumento della fragilità ossea che più facilmente può dare origine a fratture. Apparato cardiocircolatorio Con l’invecchiamento si ha una riduzione della capacità contrattile del miocardio per cui si ha una riduzione della gittata sistolica ed una riduzione della frequenza cardiaca massima Apparato respiratorio La ridotta funzionalità ventilatoria con l’età è conseguente sia ad una perdita dell’efficienza meccanica ventilatoria che ad un ridotto scambio gassoso a livello alveolo-capillare. Una cosa molto importante da fare è scindere tra i soggetti che prima dei 50 anni hanno svolto in modo continuativo attività fisica (magari fin da giovani) e quelli che iniziano da “zero” o dopo una lunga inattività. Questa informazione ci sarà utile in quanto, con l’avanzare dell’età e con l’aggravante eventualmente dell’inattività, i tendini, i legamenti e le articolazioni sono più esposti a vari tipi di lesione Quali sono i costi dell’inattività? Il corpo umano è fatto per muoversi e lo stile di vita sedentario è stato messo in relazione con le malattie e la morte prematura. Uno studio effettuato su 44 ricerche ha rivelato che i soggetti che mantengono un ragionevole livello di attività, in particolare nella mezza età e nella terza età, hanno due volte più probabilità di evitare una morte precoce e di contrarre malattie gravi rispetto agli individui sedentari. Gli effetti benefici per la salute sono simili a quelli che si ottengono evitando di fumare e l’inattività è attualmente riconosciuta come fattore di rischio di malattia cardiaca. Quali sono i rischi associati all’attività fisica? Non esistono azioni esenti da rischi e l’esercizio fisico non fa eccezione. Durante l’attività fisica intensa, per esempio, il rischio di morte cardiaca improvvisa si moltiplica per 5 nelle persone in forma e per 56 in quelle non allenate. Vi è anche un incremento del rischio di infortuni, in particolare ai piedi, alle caviglie e alle ginocchia, associati alla pratica di esercizi o sport particolarmente impegnativi. Infine, la stampa ha dedicato molta attenzione alla “dipendenza da sport” nella quale l’attività fisica diventa una sorta di “dipendenza” a detrimento di altri aspetti della vita come il lavoro e i rapporti sociali. Benché sia stata identificata una sindrome da dipendenza da sport, si tratta di una patologia estremamente rara e generalmente associata ad altri problemi mentali come anoressia nervosa, nevrosi e disturbi ossessivo-compulsivi. Il mix perfetto ? Allenarsi in sala attrezzi usando pesi e macchinari (inserendo sessioni anche a circuito ) ( attività anaerobiche / aerobiche ) Allenarsi a corpo libero . Questa sintetica descrizione racchiude in poche parole tutto il significato dell’allenamento calistenico, che sfrutta principalmente il peso del corpo e la forza di gravità in un processo allenante che è per sua stessa natura un lavoro di tipo funzionale e che ha tra le principali caratteristiche quella di compensare atteggiamenti tipici di una vita sedentaria. Stretching …ed un pizzico di attività cardiovascolare . Chiunque, giovane o vecchio, che vuole perdere un po’ di grasso e costruire un po’ di massa muscolare o semplicemente stare in forma non dovrebbe rimandare di un altro giorno…. buon workout .

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...