Gli straordinari benefici della beta alanina per gli over 50

Pubblicato: settembre 6, 2016 in Integrazione
Tag:, , , , ,

bodybuilder-supp-rotator_8_0Quale è la causa principale dell’affaticamento? Una teoria sostiene che la ragione è l’aumento degli acidi muscolari durante l’attività fisica che interferiscono con la normale produzione di energia, cui il corpo risponde rilasciando sostanze tamponi naturali. Nei muscoli, i due tamponi naturali principali sono la carnosina e il fosfato.La prima è un dipeptide, il che significa che è composta da 2 aminoacidi legati insieme, in questo caso istidina e beta-alanina. I muscoli contengono una quantità più che sufficiente di istidina per sintetizzare la carnosina muscolare, quindi il fattore limitante è la beta-alanina che l’organismo può ricavare da due fonti: la disgregazione epatica dell’uracile (uno dei componenti principali dell’RNA) e la degradazione della carnosina stessa, derivata principalmente dalla carne. Tuttavia, questa fonte naturale è limitata.Ci sono molti studi che mostrano che, dopo soli 28 giorni di integrazione, l’assunzione di 4-6 g al giorno di beta-alanina aumenta addirittura del 60% la carnosina muscolare e che, assumendo la sostanza per altri 35 giorni, la carnosina aumenta di un altro 20%. Se somministrata a giovani fra i 18 e i 30 anni in dosi di 6,4 g al giorno, dopo 28 giorni la beta-alanina ha migliorato del 12-15% la capacità di lavoro prima dell’affaticamento, ma cosa accade alle persone più anziane? La carnosina continua a ridurre l’affaticamento muscolare?Molti anziani mangiano quantità ridotte della maggiore fonte naturale di carnosina, la carne rossa, e, in più, gli enzimi degradano rapidamente la maggior parte della carnosina alimentare (da cui il corpo ricava una parte della beta-alanina). Ad ogni modo, uno studio condotto su persone anziane ha scoperto che le fibre muscolari di tipo 2 dei soggetti (in cui la concentrazione di carnosina è più alta perché sono più soggette all’aumento della produzione di acidi) contenevano il 47% di carnosina in meno rispetto a quelle dei giovani.Aumentare la carnosina negli over 50 innalzerebbe la soglia dell’affaticamento, rendendo l’attività fisica più semplice ed efficace. In uno studio, i ricercatori hanno somministrato 3 volte al giorno per 90 giorni 800 mg di beta-alanina (una dose inferiore a quella data normalmente ai giovani) a 26 uomini e donne di età compresa fra 55 e 92 anni, mentre altri soggetti hanno ricevuto un placebo. Ebbene, quelli che hanno ricevuto la beta-alanina sono riusciti ad allenarsi con il 28,6% di intensità in più, prima di affaticarsi. I soggetti si sono allenati su un tipo speciale di cyclette. Chi aveva assunto il placebo, invece, non ha sperimentato alcun cambiamento. Grazie alla sola attività fisica, i bodybuilder e gli atleti hanno livelli maggiori di carnosina muscolare, ma i soggetti dello studio erano tutti non allenati, il che indica che è stata l’integrazione con beta-alanina ad aumentare la resistenza alla fatica. Questo indica che  beta alanina è particolarmente utile per gli anziani perché facilita l’esecuzione dell’attività fisica. A sua volta, l’attività fisica aiuta a proteggere la salute fisica e mentale e a prevenire la fragilità muscolare che è spesso un precursore della mortalità.

Bibliografia
Stout, J., et al. (2008). The effect of beta-alanine supplementation on neuromuscular fatigue in elderly (55-92 years): A double-blind study. J Int Soc Sports Nutr. 5:21.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...